La chinesiterapia come strumento chiave del processo riabilitativo

La chinesiterapia è un insieme di tecniche che hanno l’obiettivo di curare attraverso il movimento o, secondo una più recente indicazione semiologica, la terapia del movimento utile a riportare il più possibile vicino alla normalità un movimento alterato.

Al Centro Fisiokinetic la chinesiterapia viene ampiamente utilizzata perché crediamo fermamente nella ricerca del riequilibrio articolare e muscolare come elementi essenziali per la riuscita ottimale del trattamento fisioterapico.

Riteniamo infatti che le terapie farmacologiche e quelle fisiche come il laser, la tecar o la ionoforesi siano importanti per il loro effetto sul sintomo, senza però negare la valutazione e una cura del danno articolare, muscolare e propriocettivo che consenta un completo recupero della lesione.
Per questo le tecniche di chinesiterapiche effettuate manualmente sono le migliori, perché consentono al fisioterapista una valutazione continua con un feed-back diretto con il paziente.

La chinesiterapia si può classicamente suddividere in 3 tipologie, passiva, assistita e attiva.

Nella passiva il paziente partecipa semplicemente ricercando la massima decontrazione in modo da consentire al fisioterapista di recuperare l’ampiezza del movimento tramite manovre di trazioni, pompage articolari e spostamenti effettuati manualmente.

Nell’assistita e nell’attiva, invece, è il paziente che volontariamente esegue i movimenti suggeriti, coadiuvato o meno dal fisioterapista. Può essere utilizzata la resistenza offerta dalla sola forza di gravità, o da sovraccarichi esterni, come una resistenza manuale, piccoli pesi o addirittura esercitazioni specifiche con l’utilizzo di macchinari quali la pressa, la leg extension, l’ercolina. In questo caso vengono proposti macchinari con resistenza ad aria compressa, molto dolce e progressiva e quindi particolarmente adatta a queste fasi della riabilitazione.

Curiamo infine il ritorno alle attività della vita quotidiana più importanti per il paziente e, se il caso lo richiede, il ritorno a quella sportiva.

La chinesiterapia come strumento chiave del processo riabilitativo ultima modidfica: 2010-10-19T17:05:15+00:00 da Fisiokinetic